E-Cowork

Una rete di lavoro condiviso

Il coworking all’internet festival 2013

internet festival 2013

Uno spazio dedicato al coworking durante l’Internet Festival di Pisa.

La città ha respirato aria di innovazione tecnologica per 4 giorni (10/13 ottobre) con oltre 150 eventi programmati, trattati temi diversi, dalle applicazioni web, agli open data, alla sostenibilità, alla sharing economy.

Al coworking è stata dedicata principalmente la giornata di domenica, la cui mattinata si è aperta con lo speech di Roberto Ciccarelli  su Community organizing per poi coinvolgere interventi da tutta Italia: Multiverso  e Combo project – Firenze, lab121 Alessandria, Riot Studio – Napoli, Spqwork e Cowo360 Roma, Talent Garden Pisa e molti altri.

L’introduzione di Ciccarelli alle discussioni della giornata, ha subito creato un terreno fertile per pensieri di collaborazione, l’autore de Il Quinto Stato, ha infatti condiviso una possibile definizione di coworking, come “espressione di una solidarietà civile che ha chiare basi professionali”, ricordando inoltre quanto affermato da Pino Ferraris sulla Camera del Lavoro che all’origine aveva funzione connettiva tra professionisti diversi; ai giorni nostri, il coworking “risponde ad una nuova domanda di cittadinanza e partecipazione”.

community organizing roberto ciccarelli

A seguire il panel su Il futuro del (co) – lavoro condotto da Simone Cicero di Ouishare italia con Stefano Borghi portavoce del progetto Copass, Tommaso Spagnoli di SPQwork – Roma e Michele Vianello – smart communities strategist .
I progetti degli speaker raccontano esperienze e finalità differenti, Vianello delinea ecosistemi di innovazione come gli incubatori con al loro interno valori di condivisione e collaborazione (es. #facciadastartup), sottolineando che “i parametri del lavoro tradizione sono finiti (..) e non siamo più obbligati a vivere in uno spazio urbano fordista”, aggiunge inoltre che “quando la conoscenza diventa prevalente, quella conoscenza non si fa più in un luogo fisico. Chi lavora in questo modo non è la minorità, è il futuro, anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale e del modo di concepire la gente.”; il coworking diventa così una sorta di Think Tank dove ciò che succede su una scrivania, in poche ore può essere su tutte le altre, la cultura del coworking, aggiunge Vianello “è interdisciplinare, non interessa la forma, interessano gli obiettivi e questo vale anche per la Pubblica Amministrazione”.

Tommaso Spagnoli descrive il suo centro di coworking come un luogo dove si effettuano anche altre attività, dalla prototipazione ai GAS e sottolinea l’importanza dell’Autoimpiego, come possibile soluzione per trovare nuove opportunità di lavoro.

colavoro coworking vianello spagnoli borghi

Segue il panel “Il coworking come luogo di crescita professionale, di generazione di opportunità e impresa” con Francesca Bulgarini di La fabbrica dei mestieri di Brescia, Aurelio Balestra per Toolbox coworking Torino, Francesco Corsentino – Tag Pisa. Per tutti i relatori coinvolti, il coworking genera crescita, da diversi punti di vista. Francesca Bulgarini e Franceasco Corsentino sottolineano la crescita delle persone dal punto di vista delle competenze, ma anche l’incrementarsi delle idee stando a contatto con gli altri; Bulgarini introduce inoltre la possibilità economica anche dei cowomanager che entrano a loro volta in contatto con altri professionisti. Aurelio Balestra evidenzia inoltre che, in Toolbox, si è generata una micro economica interna. Tra i falsi miti da sfatare Balestra ne esplicita uno in particolare: “Il coworking non è figlio della cristi, è figlio di internet.”

crescita coworking bulgarini balestra corsentino

Panel di interesse intrinseco per il coworking è stato l’ultimo della mattina, quello sull’impatto sociale che le community hanno sull’eco-sistema circostante, ospiti Dario Carrera co-fondatore The Hub Milano e Roma, Claudia Russo di Officine Zero, Domenico Rao di lab121, Francesca Nicolais di Riot Studio.

Dal panel emerge che ogni cowork, con progetti diversi, ma modalità e sentimento valoriale simili, sta generando un forte impatto sociale sia al’interno del centri che sul territorio.

Riot Studio ha avviato un progetto a format replicabile, che coinvolge la riqualificazione dell’area centrale di Napoli, dove si trova il loro cowork, coinvolgendo i coworker stessi perché “le esperienze devono essere locali e poi coinvolgere tutto il mondo”; The Hub sta portando avanti progetti legati all’impatto sociale e ambientale; lab121 dice Mico Rao “sta cercando di dare il buon esempio nella collaborazione  con il tessuto sociale (…) Alessandria è un territorio ancora da scrivere e lab121 è nato anche per dare un senso di possibilità” (es. riqualificazione territoriale con simulazione di urban center; librazione dati del Comune di Alessandria); Officine Zero dall’occupazione iniziale dello spazio, sta procedendo con la realizzazione di un’area per la comunicazione per i freelance e la progettazione di un settore produttivo per il reimpiego di trentatre lavoratori in CIG, in un impresa di riciclo materie plastiche e RAE.

Preso atto che tutte le realtà presenti al panel hanno un reale impatto sociale, alla domanda “Che rapporti avete con le Pubbliche Amministrazioni?” L’aspettativa di molti sarebbe stata di ascoltare nuovamente la parola “collaborazione”, ma così non è stato.
I rapporti tra coworking e PA non sono ancora sfilacciati e discontinui, salvo alcuni casi sporadici, l’augurio più bello lo lancia Dario Carrera “immagino l’ufficio della PA di Roma, dentro un centro di coworking”.

coworking impatto sociale

Prossimi appuntamenti per i coworker saranno a Barcellona in novembre  e all’Espresso Coworking a Roma in dicembre.

Stefania

Foto – Manuela @poppybike

Contenuto Extra: mascotte Hollipop

lollypop

Annunci

3 commenti su “Il coworking all’internet festival 2013

  1. lab121coworking
    ottobre 15, 2013

    Reblogged this on Lab121 and commented:
    Abbiamo partecipato all’Internet Festival, al panel sul coworking di domenica 13 ottobre

  2. Pingback: 10 buone ragioni per scegliere il coworking | Mela N

  3. Pingback: 10 buone ragioni per scegliere il coworking | Coworkingfor

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 14, 2013 da in coworking, eventi con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: