E-Cowork

Una rete di lavoro condiviso

E-Cowork interviste: Ombretta Rossini e Francesca Bulgarini de La fabbrica dei mestieri

Ho conosciuto Ombretta e Francesca in occasione della non conferenza Espresso Coworking di settembre 2012 e durante lo Speed Meeting abbiamo parlato del loro progetto, la Fabbrica dei Mestieri. Sono stata colpita dalla loro determinazione ed ho voluto capire meglio il percorso professionale che le ha condotte a questa nuova attività. La keyword ricorrente è passione e traspare anche dalla breve chiacchierata che abbiamo fatto l’altro giorno e che ora vi racconto.

fotocoworking2

Ciao, due domande sulla Fabbrica dei Mestieri: quando è nata e perchè avete scelto questo nome? 

La FDMestieri è nata ufficialmente nel mese di Ottobre 2012 ma era nei nostri pensieri già da Gennaio 2012. L’apertura dello spazio invece è recentissima, martedì 5 febbraio 2013. La scelta del nome è stata impegnativa, volevamo un nome in italiano che richiamasse il concetto del “fare” e nello stesso tempo esprimesse l’idea che il coworking è uno spazio all’interno del quale possono nascere nuovi progetti lavorativi. Oltre a questo coltiviamo da sempre il desiderio di orientarci al lavoro creativo e manuale e da qui la fusione di Fabbrica e Mestieri

Vi volete presentare? Siete 2 imprenditrici approdate da quali esperienze lavorative? 

Ombretta Rossini
Anno 1974, terminato il liceo intraprendo la Facoltà di Ingegneria perchè: “vuoi che un Ingegnere non trovi lavoro?” ma dopo tre anni di dubbi ed incertezze durante i quali mi impegno anche a conoscere la professione presso uno studio di progettazione, mi rendo conto che non fa per me… e lascio Ingegneria ma guadagno amicizie che ancora coltivo!!
Scelgo Scienze delle Formazione e riparto di slancio, nel frattempo lavoro duro perchè l’università costa ed è così che divento grande! Mi laureo e già lavoro presso una società di Consulenza di direzione ed organizzazione aziendale dove mi fermo per 12 anni e conosco Francesca, mia amica e socia.
Gli ultimi anni li lavoro in sofferenza perchè niente va come deve e decido di voltare pagina ancora, ho un sogno nel cassetto e lo condivido con Francesca che sta zitta e riflette, io penso non le interessi..poi mi chiama e mi dice: partiamo!!!!!! e nasce la Fabbrica dei Mestieri ed io sono felice!!!

Francesca Bulgarini
Anno 1967, laurea in architettura, mamma di due figli. Dopo la laurea sperimento varie esperienze di lavoro, fino ad approdare, nel ’97, alla consulenza di organizzazione aziendale. Lavoro in quest’ambito per dieci anni in cui tra l’altro ho occasione di conoscere Ombretta ed instaurare con lei un rapporto che va oltre quello professionale.
Poi la vita ha avuto bisogno di un cambiamento e così, seguendo il flusso delle opportunità che la vita sempre ti presenta, mi sono dedicata all’accoglienza aprendo un mio Bed&Breakfast.
L’esperienza mi ha insegnato che il lavoro va “inventato”, cucito su misura. E il coworking ha in se proprio questo valore, condividere le proprie idee per creare un lavoro a misura di se stessi: La Fabbrica dei Mestieri.

Cosa intendete con “creare un lavoro possibile con uno stile di vita sostenibile”?

Siamo convinte che un nuovo modo di lavorare esista e sia possibile sfruttando la flessibilità che la tecnologia ci mette a disposizione, per esempio lavorando a distanza ed avendo orari compatibili con la vita personale e famigliare perchè non è importante la quantità di ore lavorate o la loro distribuzione nella giornata, ma il risultato raggiunto. Siamo anche convinte che facendo parte di una community si possano organizzare una serie di servizi concreti finalizzati a ottimizzare i tempi e le risorse, come ad esempio organizzando gruppi di acquisto ed attivando convenzioni.

Nel vostro sito parlate di aziende con una visione “innovativa” del modo di lavorare, cosa pensate di offrire alle aziende? 

Ti risponderemo citando un libro di Marina Terragni: Un gioco da ragazze – Come le donne rifaranno l’Italia.  “Il modello attuale è un’organizzazione di tipo militare, in cui il capo ha il controllo diretto dei corpi. Le aspirazioni e la creatività non emergono, tutti saliamo sulle nostre macchine per recarci sul luogo di lavoro inquinando e lasciando i figli al nido, tutti dobbiamo essere fisicamente presenti, anche quando non ci sono necessità e urgenze. La tecnologia, però, ha reso possibile per molti impieghi il lavoro a distanza. Una soluzione che le aziende fanno ancora fatica ad accettare. Ma che alza la qualità di ciò che facciamo, così come la qualità della vita.” Oltre a questo, che ci sembra già tanto, le piccole aziende potrebbero usufruire delle competenze che ci sono all’interno del coworking per dar vita a progetti di ricerca e sviluppo che altrimenti richiederebbero costi fissi non sostenibili. Anche chi si occupa della comunicazione e del marketing aziendale, a nostro avviso, dovrebbe occasionalmente uscire dal proprio ufficio e confrontarsi con un pubblico variegato al fine di mantenersi aggiornato e motivato.

Come pensate di caratterizzare il vostro centro di Coworking rispetto agli altri centri del vostro territorio?

La Fabbrica dei Mestieri sarà un coworking aperto a tutte le persone che condivideranno il nostro progetto e che non è pensato solo per freelancers e liberi professionisti di qualunque settore ma, al contrario, è molto orientato al lavoro creativo e manuale. La mente pensa e la mano crea. Il nostro progetto prevede infatti una sede in cui anche lavoratori creativi, designer, artigiani possano fisicamente frequentare il coworking non solo come parte della community, ma usufruendo dello spazio di lavoro.

Grazie ragazze e buon coworking!

Simo Pozzi (@SIMO2)

Annunci

3 commenti su “E-Cowork interviste: Ombretta Rossini e Francesca Bulgarini de La fabbrica dei mestieri

  1. aferrari00
    marzo 18, 2013

    Reblogged this on Shared Economy and commented:
    Scrivi qui i tuoi pensieri… (opzionale)

  2. Pingback: Unconventional Coworking: un nuovo modo tutto social di lavorare! | fiorentemente

  3. Pingback: Unconventional Coworking: un nuovo modo tutto social di lavorare! |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: